Skip to content
Home arrow Ambiente arrow Flora arrow Arbusti arrow Rosa canina
Rosa canina Stampa E-mail

La Rosa canina è una arbusto selvatico alto da 1 a 3 metri che cresce un po' ovunque: nelle nostre crosa_caninaampagne, nei boschi, in riva al mare, nelle radure, nei terreni incolti.
Il fusto è corto, grosso, con numerosi rami pieghevoli e coperti da spine.
Fiorisce in maggio e giugno e i suoi frutti maturano in inverno.
Le sue foglie composte sono dispari pennate, hanno da 5 a 7 foglioline ovali e seghettate.
Ha fiori profumati rosa o biancastri, disposti singolarmente o a coppia che presentano sia stami che ovario. L'impollinazione avviene ad opera di insetti o autoimpollinazione
I frutti sono rosso scarlatto di forma ovale, se ne possono fare marmellate
La rosa ‘'canina'' viene chiamata così, perché un tempo le radici venivano usate per curare la rabbia trasmessa dal morso dei cani.

Proprietà curative: i fiori contengono una forte quantità di vitamina C; possono essere utilizzati come lassativo leggero o per l' estrazione di essenze.
Con i frutti si può preparare un decotto di colore rosso e di odore vanigliato con proprietà astringenti e diuretiche.
In passato sono stati impiegati contro le malattie renali (quando si formano dei piccoli calcoli).

Curiosità: si racconta che il diavolo, scacciato dal Padre Eterno cercò di risalire attraverso le spine della rosa canina, ma non riuscì e allora piegò le sue spine.

 
< Prec.   Pros. >

Ambiente