Skip to content
Home arrow Tradizioni arrow Leggende arrow "Il fantasma"
"Il fantasma" Stampa E-mail

All'inizio del '900 in una borgata della pianura piemontese si incominciò a parlare del fantasma della chiusa.
Quell'anno c'era siccità e i contadini non vedevano l'ora di irrigare i campi per poter raccogliere quel po' di frumento che avrebbe consentito loro di mantenere la famiglia. Nei fossi l'acqua era poca ma l'avrebbero fatta bastare. A quel tempo la gente era molto povera , i ricchi erano pochi. Uno di questi abitava alla Costa, un cascinale attorniato da campi verdeggianti; sembrava che la siccità per lui non esistesse. Per irrigare i campi ogni contadino doveva aprire la chiusa per far affluire l'acqua e questo avveniva di notte: di giorno l'acqua serviva per il mulino.
Una notte Giuanin si recò alla chiusa, ma dovette tornare a casa di corsa perché un fantasma tutto bianco si ergeva minaccioso proprio là dove il poveraccio avrebbe dovuto aprir l'acqua. Il giorno dopo raccontò il fatto a Vigin che lo prese in giro e gli disse che aveva le visioni.
-Andrò io questa sera e vedrai che aprirò l'acqua! -
Ma nemmeno Vigin ebbe miglior fortuna. Anche altri ci provarono ma tornarono a casa impauriti. Intanto i campi diventavano sempre più gialli e il raccolto sembrava ormai compromesso quando Minot, ex abitante della borgata, ormai trasferitosi in città, andò a trovare il fratello Peru.
Lungo la strada vide quei poveri campi inariditi e disse a Peru:- Avete perso l'abitudine di bagnare i campi? Se non bagnate non raccoglierete nulla.-
Peru disperato gli spiegò la situazione. Minot, un pezzo d'uomo che non aveva paura di niente, decise di andare a verificare. S'informò bene dei fatti e una notte partì, con il badile in spalla, per recarsi alla chiusa.
Ed ecco il fantasma minaccioso che aveva impaurito tutto il borgo! Minot, che si era nascosto dietro ad un albero, saltò fuori agitando il badile come una spada e, parlando sottovoce si rivolse al fantasma:
-Fantasma dei miei stivali se hai il coraggio vieni da me......Io so chi sei e se non scapperai in fretta ti farò diventare un fantasma per sempre!Caro Cichin adesso ho capito perchè i tuoi campi sono belli verdi!!!-Come sia andata veramente non si sa, ma per alcune settimane Cichin dla Costa girò per il paese pieno di lividi e malconcio: non spiegò a nessuno l'origine delle sue ferite, ma da quel giorno scomparve il fantasma della chiusa ed i campi tornarono ad essere verdi.

 
< Prec.   Pros. >