Skip to content
Home arrow Tradizioni arrow Leggende arrow "La storia vera della gatta rossa"
"La storia vera della gatta rossa" Stampa E-mail

Questa storia è ambientata tra il 1915 e il 1918, al tempo della 1° guerra mondiale
In quel tempo la miseria era tanta e spesso era difficile mettere insieme un pasto decente.
Viveva, allora, nelle nostre campagne, una bambina chiamata Eine. Eine aveva una gatta rossa di nome Micia che in quei giorni aveva partorito dei bei micetti.
Eine e Micia erano molto amiche e, anche se micia non sapeva parlare, si intendevano a meraviglia.
Un mattino, Eine vide Micia tornare dai campi portando fra i denti una bella tinca per i suoi gattini e le chiese subito dove l'aveva presa.
Micia, miagolando, invitò la bambina a seguirla e si diresse verso i campi.
Anche Angiolina, la sorella maggiore di Eine, incuriosita, andò con loro.
Durante il tragitto, Micia si voltava in continuazione, per accertarsi che le bambine le andassero dietro.
Alla fine le piccole, guidate dalla gatta, raggiunsero una pozza d'acqua che scoprirono piena di pesci.
Eine ed Angiolina, rimboccatesi le maniche, raccolsero immediatamente le tinche e, tutte allegre, tornarono verso casa sentendosi molto fiere di aver procurato un buon pasto per la loro famiglia.
E così, grazie a Micia, quella sera, in casa di Eine si ebbe una bella cena!!

 
< Prec.   Pros. >