Skip to content
Home arrow Ambiente arrow Flora arrow Alberi arrow Acero negundo
Acero negundo Stampa E-mail

Questo acero è originario della parte orientale dell’America settentrionale, fu importato in Europa nel secolo XVII. È a acero_negundocrescita rapida e dotato di chioma cespugliosa. Nella sua forma normale ha foglie verdi che diventano gialle in autunno.
Il Negundo resiste alla siccità e alle gelate e, data la sua rapida crescita, viene piantato nei parchi per mascherare muri o costruzioni, ma può diventare infestante perché dissemina abbondantemente. Come la maggior parte degli aceri, il Negundo ha una linfa da cui, in primavera, si può ottenere lo zucchero. Il legno, leggero, tenero e bianco crema, ha scarso valore commerciale, perché l’albero non cresce molto ed è disponibile soltanto in pezzature piccole.
Ci sono varie cultivar (cioè varietà di pianta selezionata in coltura) del negundo: la più diffusa è quella variegata, “Variegatum” le cui foglie hanno margini pallidi. Ricordiamo inoltre la “Violaceum” con germogli purpurei o viola e “Auratum” con foglie giallo vivace.
E' una pianta dioica: cioè ha fiori maschili e femminili.
I suoi frutti come in tutti gli aceri si chiamano samare.

 
Pros. >

Ambiente