Skip to content
Salice Stampa E-mail

salice_biancoIl salice ha crescita rapida e si riproduce facilmente anche interrando i suoi rametti. Il suo ambiente ideale è in prossimità dei corsi d'acqua e forma spesso boschetti puri in zone semipaludose, e come specie accompagnatoria in boschi con pioppo e ontano.

Il salice bianco (Salix alba) prende il suo nome, di origine latina, dal colore argenteo delle pagine inferiori delle foglie, è diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo, e in Asia, in Italia si localizza quasi esclusivamente lungo le rive dei fiumi. E' un albero caducifoglie di terza grandezza alto fino a 20 m e con diametro massimo di 60 cm, di rapido accrescimento, ma poco longevo, con tronco diritto e chioma ampia, spesso utilizzato per consolidare le scarpate di frane grazie alla sua spiccata capacità di riproduzione asessuale e per la sua velocità di crescita.
Ha importanza come specie forestale nel consolidamento di pendici franove e di ripa.
Il legno è tenero e poco pregiato; ha qualche impiego nell'industria cartaria e, un tempo, per la produzione di zoccoli.

In passato era diffusa la pratica della raccolta del vimini, rami lunghi e flessibili di salice adatti per lavori artigianali (sedie, cesti, etc.); per facilitarne la raccolta si coltivavano le piante in filari, spesso a bordo campo o bordo strada, e si tagliavano a capitozza. La capitozzatura era una pratica antica che consisteva nel potare drasticamente la pianta ad una certa altezza, di solito circa 2 m., e tagliare ogni anno i rami che si sviluppavano sopra il taglio. In questo modo si ricavava una grande quantità di rametti in poco spazio e in posizione comoda per la raccolta.

Il salicone si differenzia dagli altri salici per la tendenza a formare boschetti puri invadendo aree abbandonate, difficilmente supera i 10 m di altezza, ed è molto ramificato. A differenza degli altri salici riesce ad adattarsi bene anche a terreni asciutti e superficiali, vive in tutta Italia e sulle Alpi sale fino ai 1700 m. di quota, tanto che alcuni lo chiamano salice di montagna. Viene utilizzato per il consolidamento di frane o scarpate. Il legno dei salici è leggero e bianco, non è di gran pregio, attualmente viene usato per imballaggi, nell'industria della carta e dei pannelli truciolari.

 
< Prec.   Pros. >

Ambiente