Skip to content
Home arrow Riso arrow Storia arrow Testimonianze
Testimonianze Stampa E-mail
Indice articolo
Testimonianze
Testimonianza n1
Testimonianza n2
Testimonianza n3
Testimonianza n4
Testimonianza n5
Testimonianza n6
Testimonianza n7
Il camerone
Il ritorno



Il camerone

In cascina si dormiva tutte insieme in camerate, dove la pulizia era molto sommaria, sulle grandi travi che sovrastavano c'erano topi, insetti e animali vari che giravano a tutte le ore, i pidocchi erano di casa. Questi grandi cameroni erano illuminati da una piccola lampadina, che con la sua luce fioca serviva per rischiare il buio.
Il pagliericcio veniva riempito di paglia a volte anche umida. Il camerone era in realtà un fienile che d'inverno veniva riempito da fieno per il nutrimento delle mucche.
Dalle fessure del tetto, pieno di ragnatele, nelle notti serene si intravedeva il chiarore della luna e di giorno i raggi del sole rendevano irrespirabile l'aria.Quando pioveva non era raro che sul letto di qualche mondina ci piovesse, e nel silenzio della notte si sentivano i topi rosicchiare.


 
< Prec.