Skip to content
Home arrow Luoghi arrow Luoghi di interesse arrow Cascine e aziende agricole arrow La cascina d'Isana di Livorno Ferraris
La cascina d'Isana di Livorno Ferraris Stampa E-mail

L'antica Via Liburnasca
Per parlare della cascina d'Isana dobbiamo accennare alla via Liburnasca e ai Templari.
L'antica Uliaco, sulla collina di Villarreggia, era unita a Mazè da Via Mazzati e da qui ed Ivrea attraverso la Via Eporetia. Da Uliaco la stessa strada arrivava fino a Livorno col nome di Via Liburnasca che univa Livorno a Trino, Vercelli, Casale con proseguimento per Alessandria e Genova. Da Ivrea la strada proseguiva per Aosta dove confluivano due importanti vie di comunicazione, passanti per il grande e per il piccolo San Bernardo. Su queste strade, tutte comunicanti fra loro, transitava un intenso traffico di commercianti e di pellegrini, diretti alla visita dei luoghi santi della cristianità. Alcuni ordini religiosi cavallereschi si attivarono per garantire l'assistenza e l' ospitalità dei pellegrini ed in modo particolare furono i Templari a diffondere in Piemonte le loro mansioni, in modo particolare a Ivrea, Vercelli, Casale. Essi si insediarono anche a livorno, nella zona di Isana, appunto.
Ma chi erano i Templari? L'ordine "del tempio" fu fondato da Ugo di Payens, cavaliere delle Champagne, che insieme a 8 seguaci si recò in Palestina per rendere sicuri i Luoghi Santi a Gerusalemme. Nel 1119 essi si stabilirono a Gerusalemme in una parte del palazzo reale, detta tempio di Salomone, da cui presero il nome di "religiosi del tempio" e poi "Templari". I Templari crebbero rapidamente di numero e nel 1128 il Concilio di Troyes, regolarizzò il loro status giuridico.
I membri dell'Ordine si dividevano in 3 classi: i cavalieri, appartenenti alla nobiltà, gli scudieri,appartenenti alle classi borghesi e i cappellani. I cavalieri indossavano un mantello bianco con una grande croce rossa. I Templari prendevano i voti religiosi di povertà, castità ed obbedienza; inoltre giuravano di difendere Luoghi Santi, ad ogni costo e con le armi. Col passare del tempo amministrarono con abilità grandi ricchezze provenienti da offerte, bottini, donazioni. Misero la loro abilità di finanzieri al servizio di commercianti e regnanti, guadagnandosi anche la fama di usurai. Nel 1291 furono cacciati dall'Oriente e si trasferirono in Europa dove iniziarono i problemi. Nel 1307 i Templari in Francia vennero arrestati con l' accusa di eresia. Nel 1312 il Papa decretò la fine dell'Ordine.

 
< Prec.   Pros. >