Skip to content
Home arrow Tradizioni arrow Leggende arrow Il miracolo del mulino
Il miracolo del mulino Stampa E-mail

C'era una volta un mugnaio, il quale si preparava a macinare il grano che un contadino gli aveva portato e che era destinato a fare pani e i dolci di Pasqua.
Bussarono alla porta: era un poveretto che chiedeva l'elemosina.
- Va' via - gli disse aspramente il mugnaio.-Non ho nulla da darti-.
Il contadino,  che stava vicino al suo sacco di grano, ebbe pietà del mendicante e gli diede una manciata di grano. Il poverello la mise nella sua bisaccia e tese nuovamente la mano. E nuovamente il contadino gliela riempì di grano. Lo stesso avvenne una terza, una quarta, una quinta, una centesima volta, finché il sacco fu quasi vuoto.
Il mugnaio se la rideva fra sé e pensava:
-Che cosa gli resta, ora, da macinare? -
Non restava quasi nulla. Tuttavia, il mugnaio mise sotto la macina il poco grano rimasto e cominciò a macinarlo. Ed ecco, avvenne il miracolo: la farina cominciò a uscire, bianca e fina, non smetteva mai di venir fuori. Il mugnaio guardava sgomentato e il contadino cadde in ginocchio dinanzi al poverello per abbracciargli le ginocchia.
Ma in quel momento il mendicante scomparve ai suoi occhi.  

 
< Prec.   Pros. >