Skip to content
CurmurÓ Stampa E-mail
Quando si concludevano i giorni della monda, si faceva la “curmúra” o pranzo finale che consisteva in un pasto piú abbondante e vino a volontà. Alcune, essendo il vino pagato, ne approfittavano, cosicché al termine del pranzo si dovevano portare a casa con la cariola, tanto avevano mangiato e bevuto. Anche questa monda era finita, allora si diceva “aiú búta la pél sú la gába”, e ”si sólt aien bún da búte al col” tanto erano dimagrite e stanche del duro lavoro della risaia... Dopo tutto la monda del riso, a quei tempi era una faticaccia, ma costituiva anche un diversivo e una fonte di un certo guadagno.
 
Pros. >